SCRIVICI

CHIAMACI
CONSULENZA TRIBUTARIA, SOCIETARIA E DEL LAVORO
TRUST, FONDO PATRIMONIALE E NEGOZIO FIDUCIARIO

TRUST, FONDO PATRIMONIALE E NEGOZIO FIDUCIARIO

06 APR 2019
La Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 9320/2019 è tornata ad occuparsi di Trust e lo fa affermando che il negozio istitutivo configura un atto a titolo gratuito ai fini dell’azione revocatoria e dichiarandone inefficace l’atto istitutivo, ogniqualvolta in cui il debitore dispone del proprio patrimonio a titolo gratuito.
Invero gli unici elementi di novità della ordinanza sono costituiti dalla comparazione del di trust con l’istituto del fondo patrimoniale e con il negozio fiduciario.
I Giudici ricordano che questo istituto non trova una disciplina espressa nel nostro ordinamento, ma è ammesso in quanto espressione di autonomia negoziale meritevole di tutela ai sensi dell’art. 1322 c.c. e sposano quell’orientamento (Cassazione 3 agosto 2017 n. 19376 e Cassazione 29 maggio 2018 n. 13388) secondo cui la natura dell’atto dispositivo va verificata caso per caso, potendo ritenersi gratuito il trust volto a soddisfare bisogni familiari o esigenze personali del disponente e oneroso ad esempio, quello di garanzia.
Per quanto concerne invece la comparazione con il fondo patrimoniale la Corte precisa che:
  1. il trust può essere istituito da qualunque soggetto, mentre il fondo patrimoniale può essere istituito solo dai coniugi (ed eventualmente da un terzo);
  2. nel trust può essere conferita qualunque bene, mentre nel fondo patrimoniale solo beni immobili, beni mobili iscritti in pubblici registri e titoli di credito;
  3. il trust è amministrato secondo le regole dettate dal disponente, mentre il fondo patrimoniale segue le regole di amministrazione della comunione legale;
  4. i beni conferiti in trust sono soggetti a impignorabilità assoluta ed il trust è opponibile a tutti i creditori estranei agli scopi del trust, mentre nel fondo patrimoniale tale vincolo non è opponibile, oltre che ai creditori della famiglia, anche a coloro che, in buona fede, ignoravano l’estraneità del debito rispetto ai bisogni della famiglia;
  5. i beneficiari del trust possono essere tutti i titolari di un diritto di credito verso il trustee, mentre nel fondo patrimoniale i beneficiari sono i componenti della famiglia e godono di una semplice aspettativa derivante dai proventi del fondo e dalla destinazione finale dei beni.
Comparando poi il trust con il negozio fiduciario i giudici rammentano che i beni in Trust costituiscono una massa patrimoniale separata e distinta da quella del soggetto disponente e da quella del trustee, mentre nel negozio fiduciario i beni amministrati non diventano di proprietà delle società, ma restano di esclusiva proprietà del fiduciante e sono soggetti alle sole azioni dei creditori del fiduciante.

differenze-fra-trust-fondo-patri-e-neg.-fiduciario.pdf
 
VEDI TUTTE
VUOI UNA NOSTRA
CONSULENZA?
Via Marecchiese, 314/D 47922 Rimini (Rn) |
Tel. +39 0541/388003 Fax +39 0541/1833731
P.Iva 02647080403 Privacy Policy
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Credits TITANKA! Spa © 2018