CONSULENZA TRIBUTARIA, SOCIETARIA E DEL LAVORO
NESSUNA PLUSVALENZA PER LA CESSIONE DI QUOTE IN SEDE DI SEPARAZIONE

NESSUNA PLUSVALENZA PER LA CESSIONE DI QUOTE IN SEDE DI SEPARAZIONE

17 MAR 2021
La Ctr della Lombardia con sentenza n. 98/2021 ha confermato la sentenza di primo grado che aveva accolto il ricorso del contribuente avverso un avviso di accertamento con cui l’Agenzia accertava la mancata dichiarazione della plusvalenza conseguita all'atto di cessione delle quote societarie, disposta in occasione della separazione dei coniugi. L’Ufficio riteneva illegittima l’applicazione dell’esenzione di cui all'articolo 19, l. 74/87 individuando quale discrimine tra legittima e illegittima esenzione dall'imposta il rapporto di necessaria consequenzialità tra l'atto stipulato e la definizione dei rapporti patrimoniali dei coniugi. Nel caso di specie qualificava l'accordo di separazione nei confronti dell'atto di cessione di quote societarie quale presupposto meramente occasionale, e dunque non necessario. I giudici di secondo grado ha precisato che “La ratio della richiamata norma è a tutta evidenza quella di agevolare la sistemazione dei rapporti patrimoniali dei coniugi a seguito della separazione o del divorzio, senza distinzioni di sorta in ordine alle modalità di tale definizione.” Pertanto anche se l’atto di cessione di quote non faceva parte delle condizioni essenziali della separazione, rientrava nella negoziazione globale dei rapporti tra i coniugi, risultando pertanto meritevole di tutela.



ctr.lombardia.n.98.2021.plusvalenza.cessione.quote.separazione.pdf
VEDI TUTTE
VUOI UNA NOSTRA
CONSULENZA?
dominiciassociati it nessuna-plusvalenza-per-la-cessione-di-quote-in-sede-di-separazione 007Via Marecchiese, 314/D 47922 Rimini (Rn) |
Tel. +39 0541/388003 Fax +39 0541/1833731
P.Iva 02647080403 Privacy Policy (Preferenze Cookie)
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Credits TITANKA! Spa © 2018