SCRIVICI

CHIAMACI
CONSULENZA TRIBUTARIA, SOCIETARIA E DEL LAVORO
TERMINE DI COMPIUTA GIACENZA

TERMINE DI COMPIUTA GIACENZA

31 DIC 2016
La suprema Corte di Cassazione a sezione unite, con la sentenza n. 1418 del 1 febbraio 2012, ha espresso un rilevante principio di diritto, con riferimento alla natura del termine di compiuta giacenza, previsto in ambito di notifica a mezzo posta, dall'art. 8 comma 4 della legge n.890/1982. Mi riferisco alla circostanza se la cosiddetta "giacenza" debba considerarsi, o meno, "atto processuale" con l’applicazione conseguente delle norme previste per tali atti. La problematica posta all'attenzione dei Giudici, se a prima vista può sembrare una "questione di lana caprina", nella pratica a volte può rivestire fondamentale importanza per le sorti processuali, anche in materia tributaria. 
Nella disamina della vicenda, i Giudici di legittimità hanno preso in considerazione il comma 4 dell’art. 155 c.p.c., sul computo dei termini, il quale, come è noto,  dispone che “se il giorno di scadenza è festivo, la scadenza è prorogata di diritto al primo giorno seguente non festivo” nonché i successivi commi, quinto e sesto, – aggiunti dalla L. 263 del 2005, art. 2, comma 1, applicabili anche ai procedimenti anteriori a tale data - che “La proroga prevista al comma 4 si applica altresì ai termini per il compimento degli atti processuali svolti fuori dall’udienza che scadono nella giornata del sabato(comma 5). Le norme in questione, aggiunte forse un po’ frettolosamente e senza particolari approfondimenti dal legislatore nel corpo dell’art. 155 cpc suddetto, da una parte assimilano il giorno del sabato a quello festivo, limitatamente ai termini per il compimento degli atti processuali svolti al di fuori dell’udienza e che scadono nella giornata di sabato, dall’altro puntualizzano che in tale giornata – “ad ogni effetto considerata lavorativa” – “resta fermo il regolare svolgimento delle udienze e di ogni altra attività giudiziaria svolta da ausiliari”.
Posto quanto precede, si tratta, quindi, di determinare se quello previsto dall’art. 8, comma 4, della L. 890/1982 sia, o meno, un termine previsto per il “compimento di atti processuali svolti fuori dall’udienza” (art 155, 5° comma) con la conseguenza che, in caso di risposta affermativa, quest’ultimo, qualora scadente nella giornata di sabato, sarebbe prorogato di diritto al primo giorno seguente non festivo (art. 155, 4° comma).
Nella sentenza in commento i Giudici di legittimità affermano senza mezzi termini che “ tenute presenti tutte le considerazioni che precedono e, in particolare, il rilievo che per “atti processuali”…devono intendersi quelli che hanno rilevanza, diretta o indiretta nel processo, è agevole rilevare che l’intero (tradizionale) procedimento di notificazione di atti inerenti al processo – sia esso promosso ed eseguito dall’avvocato ai sensi della citata L. n. 53/1994 (…) ovvero eseguito dall’ufficiale giudiziario, previa consegna a quest’ultimo dell’atto da notificare – si svolge NECESSARIAMENTE “fuori dall’udienza” fino al suo complimento, come ovviamente fuori dall’udienza si effettua, in particolare, nelle notificazioni a mezzo del servizio postale anche l’eventuale ritiro del piego…Ritiro che d’altro canto è certamente qualificabile come atto processuale ai sensi del menzionato art. 155, comma 5.”
La conclusione a cui giungono gli ermellini è tranciante: “non può esservi dubbio che, nel caso in cui il termine di 10 giorni di cui alla L. 890 del 1982 art. 8 comma 4 scada nella giornata di sabato, la scadenza è prorogata di diritto al primo giorno seguente non festivo….
Dunque per la Cassazione non vi sono dubbi: se la compiuta giacenza cade in giorno di sabato, il termine è prorogato di diritto al primo giorno non festivo, ovvero il lunedì successivo, o addirittura, come nel caso preso in considerazione dai Giudici di legittimità, anche alcuni giorni dopo, in presenza di giorni festivi concatenati, come accade spesso durante le festività natalizie.
 
VEDI TUTTE
VUOI UNA NOSTRA
CONSULENZA?
Via Marecchiese, 314/D 47922 Rimini (Rn) |
Tel. +39 0541/388003 Fax +39 0541/1833731
P.Iva 02647080403 Privacy Policy
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Credits TITANKA! Spa © 2018