CONSULENZA TRIBUTARIA, SOCIETARIA E DEL LAVORO

LA RESIDENZA FISCALE COINCIDE CON IL CENTRO DEI PROPRI INTERESSI

22 MAR 2017
La Corte di Cassazione, con la sentenza 13114/18, del 21 marzo 2018, ha condannato uno stilista,  asseritamente residente in Svizzera, per l'omessa dichiarazione Irpef.
Allo stilista veniva contestato il centro degli interessi in una città dell’Emilia-Romagna, ove egli aveva lo studio professionale ed i relativi conti correnti.
Invero, il centro degli interessi era stato individuato dall'ufficio, tra l'altro, avvalendosi anche dei passaggi al casello autostradale e gli elementi messi insieme, seppure indiziari, erano gravi precisi e concordanti e tali da far ritenere che il soggetto imputato fosse residente in Italia.
Secondo i Giudici, a fronte dei redditi contestati dall'autorità italiana, lo stilista avrebbe dovuto dimostrare che le imposte su quei redditi erano state assolte in Svizzera, questione rimastra indimostrata.
La morale è che la residenza anagrafica non ha alcun rilievo allorquando il contribuente ha il domicilio o la dimora abituale in Italia ed è anche inutile invocare la presenza della convenzione fra Italia e la Svizzera, ratificata nel nostro ordinamento con la legge 943/78, poichè la convenzione è esclusivamente diretta ad evitare la doppia imposizione.
Insomma l'autostrada, l’uso delle carte di credito sul territorio nazionale, il telefonino o meglio le celle a cui esso si aggancia, vincono rispetto al mero pezzo di carta (residenza anagrafica), perchè ciò che conta è il centro degli interessi.

residenza-con-controllo-autostradale.pdf
VEDI TUTTE
VUOI UNA NOSTRA
CONSULENZA?
dominiciassociati it la-residenza-fiscale-coincide-con-il-centro-dei-propri-interessi 007Via Marecchiese, 314/D 47922 Rimini (Rn) |
Tel. +39 0541/388003 Fax +39 0541/1833731
P.Iva 02647080403 Privacy & Cookie Policy - Preferenze Cookie
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Credits TITANKA! Spa