CONSULENZA TRIBUTARIA, SOCIETARIA E DEL LAVORO
IL COMMERCIALISTA PROVA L'ATTIVITA' SVOLTA IL GIUDICE LIQUIDA SULLA BASE DEI PARAMETRI MINISTERIALI

IL COMMERCIALISTA PROVA L'ATTIVITA' SVOLTA IL GIUDICE LIQUIDA SULLA BASE DEI PARAMETRI MINISTERIALI

28 MAR 2024
La Corte di cassazione con la sentenza del 28 marzo 2024 n. , ha stabilito che il compenso per l’attività svolta dal professionista, va in ogni caso determinato sulla base delle tariffe professionali (o in assenza della voce nella tariffa sulla base del parametri  ministeriali), essendo vietato al giudice ricorrere alla valutazione equitativa.
Secondo i Giudici, nel giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo avente ad oggetto il pagamento di prestazioni professionali, ogni contestazione, anche generica, in ordine all'espletamento e alla consistenza dell'attività, è idonea e sufficiente ad investire il giudice del potere-dovere di verificare anche il quantum debeatur, costituendo la parcella una semplice dichiarazione unilaterale del professionista, sul quale perciò rimangono i relativi oneri probatori del credito azionato ex art. 2697 c.c..
Insomma, il professionista dimostra l'attività effettivamente svolta ed il giudice liquida il compenso sulla base dell'accordo (preventivo) con il cliente.
In assenza di accordo, (per i commercialisti) si fa riferimento ai “Parametri” previsti dal D.M. 140/2012.

ricorso-alle-tariffe-no-alla-liquid-equitativa.pdf

 
VEDI TUTTE
VUOI UNA NOSTRA
CONSULENZA?
dominiciassociati it il-commercialista-prova-l-attivita-svolta-il-giudice-liquida-sulla-base-dei-parametri-ministeriali 007Via Marecchiese, 314/D 47922 Rimini (Rn) |
Tel. +39 0541/388003 Fax +39 0541/1833731
P.Iva 02647080403 Privacy & Cookie Policy - Preferenze Cookie
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Credits TITANKA! Spa