SCRIVICI

CHIAMACI
CONSULENZA TRIBUTARIA, SOCIETARIA E DEL LAVORO
ANCORA SULL'OBBLIGO DEL CONTRADDITTORIO

ANCORA SULL'OBBLIGO DEL CONTRADDITTORIO

30 OTT 2016
Secondo l'insegnamento della Cassazione. SS.UU. 9.12.2015 n. 24823, in presenza di tributi armonizzati (IVA), il contraddittorio è sempre necessario, (secondo me il principio è applicabile a tutti i tributi), anche se la sua inosservanza può comportare la nullità dell'atto solo se il contribuente dimostra che esso non ha finalità meramente pretestuose.
La Commissione Tributaria Regionale dell'Aquila, sezione di Pescara, con la sentenza n. 861/6/16 del 28.9.2016 ha all'uopo introdotto un nuovo concetto e cioè  che "ciò che distingue il caso di utilità o meno del contraddittorio preventivo non è la fondatezza, agli occhi dell'Ufficio, delle argomentazioni, ma la loro serietà", i Giudici hanno inoltre aggiunto che a confutazione del principio, non è di certo sufficiente che il funzionario asserisca che, comunque, l'atto sarebbe stato emesso con lo stesso contenuto.
Ricordiamo che la decisione sopra richiamata della Suprema Corte causa un'ingiustificata disparità di trattamento fra contribuenti, laddove il contraddittorio è stato ritenuto necessario solo quando ci sia un accesso presso le sedi dell'attività del contribuente (art. 12 co. 7 della L. 212/2000), oppure quando la legge stessa lo imponga espressamente.
Com'è logico tale formulazione evidenzia una scelta discrezionale degli uffici, ed è proprio per tale ragione che la questione è stata rimessa alla Corte Costituzionale dalla Commissione Tributaria Regionale di Firenze il 10.1.2016 con il provvedimento n. 736/1/15, nella parte in cui circoscrive tale necessità alle ipotesi in cui è stato disposto un accesso nei locali ove si svolge l'attività del medesimo.
VEDI TUTTE
VUOI UNA NOSTRA
CONSULENZA?
Via Marecchiese, 314/D 47922 Rimini (Rn) |
Tel. +39 0541/388003 Fax +39 0541/1833731
P.Iva 02647080403 Privacy Policy
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Credits TITANKA! Spa © 2018